Nel 1500 la cultura era basata essenzialmente sulla riscoperta e l’imitazione di fonti classiche, accanto alla letteratura e all’arte si era affermata la nascita delle professione teatrali, un processo che matura a pieno nel teatro del 1600. Si tratta di un percorso difficile, rimangono diffusi i pregiudizi contro gli uomini di spettacolo, Niccolò Rossi li definisce:<< gente sordida e mercenaria>>. Nonostante le difficoltà a livello sociale e le crisi economiche il teatro del 600 è protagonista assoluto in tutta Europa; troviamo grandi artisti come Shakespeare in Inghilterra, Corneille, Molière, Racine e Diderot in Francia, Giovan Battista Andreini e Claudio Monteverdi con il melodramma italiano. 

Dalla ricerca del perfetto eqilibrio tra le passioni del 500 si è passati nel 600 alla rappresentazione dell’inquietudine, dalla linearità del 500 alla realtà << cangiante >> nel 600. Il teatro ha espresso così le paure della società, assistendo ad uno spettacolo gli uomini vedano riflesse le loro angoscie. 

Uno dei grandi temi del teatro del 600 è la storia degli uomini comuni; con Diderot, infatti, nasce il dramma borghese con l’intento di raccontare sul palcoscenico i valori fondanti della società moderna e allo stesso tempo mettere a nudo i limiti e le ombre di quel mondo borghese che sembrava trionfare. Trattano il tema della vita borghese le opere Il figlio naturale e Il padre di famiglia

Il fluire del tempo e i grandi sconvolgimenti di questo secolo portano alla diffusione del motivo del memento mori allegorizzato dagli scheletri, le clessidre o le rose avvizzite. << Siamo fatti della stessa materia di cui sono fatti i sogni>>, sono queste le parole dell’opera La tempesta di Shakespeare; se le opere teatrali rappresentano le paure e le angosce degli uomini allora l’uomo si sente solo come involucro vuoto privo di punti di riferimento, proprio come l’attore che esiste solo sul palcoscenico. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *