Mattia, il protagonista del romanzo C’era una volta adesso di Massimo Gramellini, durante i primi giorni di lockdown esce sul balcone dell’appartamento e sente il vicino cantare a squarciagola alcune parole della canzone Vincerò. Durante i mesi del lockdown abbiamo visto come la musica ha avuto un ruolo importante per tutti noi, non solo gli artisti hanno intrattenuto i loro funs con dirette Instagram, ma tutti ci siamo affacciati dalle nostre case e abbiamo iniziato a cantare insieme, ci siamo sentiti più vicini e meno soli. Il potere della musica è proprio quello di abbattere le distanze, di arrivare dritto alle emozioni di ognuno, la musica ci lega internamente.  

Sono tanti gli artisti rimasti in contatto attraverso i social con i loro funs, altri artisti hanno deciso di iniziare ad incidere nuove canzoni proprio durante l’emergenza Covid-19. Tra le tante iniziative vogliamo proporvi il progetto “Lockdown in musica” di Sarti Magi, insegnante lucchese di pianoforte. L’iniziativa si articola in 5 documentari musicali visibili su Facebook, Instagram e Youtube che hanno lo scopo di avvicinare i giovani alla musica classica. Le difficoltà per i cantanti e i musicisti non sono purtoppo terminate con la Fase 2, per questo è necessario reinventare nuovi modi e mezzi per consentire alla musica di continuare a trasmettere emozioni. Da Beethoven a “La Moldava” per finire poi con un tema molto particolare dal titolo “Avete mai ascoltato i quadri?” << Un progetto per tutte le età che ha lo scopo di avvicinare la musica a tutti, soprattutto a chi non ha mai ascoltato musica ‘classica’, e renderla protagonista di questa quarantena. Un progetto per tutte le età che ha lo scopo di avvicinare la musica a tutti, soprattutto a chi non ha mai ascoltato musica ‘classica’, e renderla protagonista di questa quarantena >>, queste le parole dello stesso maestro, un chiaro messaggio che ci ricorda come la musica e l’arte non si arrendono in un periodo così buio. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *